logo

Telefono:

0131-866326

Fax:

0131-862767

Tortona (AL)

Viale Einaudi 6

NOI GIOVANI EUROPEI . Le opportunità, le esperienze del 2018/2019

Per diventare cittadini consapevoli:  un anno di formazione europea  al MARCONI.

 

All’insegna di una tradizione ormai decennale, l’Istituto Marconi ha proposto anche quest’anno agli studenti del biennio e triennio frequenti occasioni di confronto e percorsi formativi  diversificati, volti a sensibilizzare i giovani alla cittadinanza europea attiva e consapevole.

La partecipazione al Concorso “Diventiamo Cittadini Europei”, proposto alle classi di tutte le scuole secondarie di secondo grado, ha richiesto ai numerosi candidati un momento formativo con docenti universitari qualificati e la stesura di un testo, scelto tra due possibili tracce inerenti al tema europeo,  ed ha visto, ancora una volta, un lusinghiero numero di studenti dell’Istituto fra i vincitori.

 

Proprio giovedì 9 maggio si è tenuta a Torino  la premiazione della 35^ edizione,  e gli studenti vincitori, Valeria Zannoni – 2^BE,  Lamyaa Batte – 2^AR, Teresa Maria Baggini – 3^AR,  Martina D’Anna, Luigi Grillo e Giulia Gualco – 4^AR, avranno varie possibilità di confrontarsi sui temi europea partecipando a iniziative di formazione e soggiorni a Bardonecchia  ed a Bruxelles.

Un’altra direzione che l’Istituto ha felicemente percorso  è quella dell’adesione fattiva alle proposte che l’associazione APS LA FENICE, in collaborazione con il Comune di Tortona, ha organizzato tramite scambi europei che sono stati realizzati  in parte come scuola referente e in parte come “ospiti”.  Nel corso dell’anno scolastico sono state numerose le occasioni di incontro: a settembre, realizzato allo Chalet Castello, lo scambio YOU AR’T, : “Empowering youth through arts” ha visto interagire gli studenti delle classi seconde con i coetanei  provenienti da Irlanda e Danimarca e la partecipazione di studenti di prima ad un’esperienza di francofonia, danza e musica.

In particolare, conformemente alle nuove linee guida dell’Esame di Stato, si è cercato   di attivare percorsi di cittadinanza soprattutto tra gli studenti delle classi quarte e quinte, sfruttando queste iniziative all’interno del programma ERASMUS PLUS.

Da marzo in poi, in aula, i ragazzi hanno partecipato  a momenti formativi  organizzati dai Volontari dell’Associazione e dai Volontari  Europei  nell’ambito delle attività locali del progetto YES! GAM-EU – Youth Engagement Strategies through Gamification in EU” , finanziato dalla Commissione europea,  volto  a raccogliere, in primo luogo, le aspettative  e le opinioni dei giovani sull’Unione Europea e  diretti, in una seconda fase,  ad implementare  la conoscenza delle istituzioni europee  e la costruzione  di competenze, tramite pratiche educative non formali come il gioco, laboratori, workshop e molto altro.

In tale ambito,  dal  27 aprile al 4 maggio,  tre studenti delle triennio del nostro Istituto, Larisa Pavaloi,  Giulia Gualco e Matteo Mascardi, ed altri 9 ragazzi provenienti da tutta la provincia di Alessandria, hanno avuto l’opportunità di partecipare allo scambio internazionale GAMIFY EU – LET’S START PLAYING!”, un progetto di confronto  culturale a Bruxelles, insieme altri giovani provenienti da diverse nazioni dell’Unione (Portogallo, Belgio, Galles e Bulgaria).  L’iniziativa, parte dal progetto YES! GAM-EU,  ed ha avuto l’obiettivo di formare ragazze e ragazzi che possano, in un prossimo futuro, diventare educatori tra pari sui temi dell’Unione e della Cittadinanza Europea (il progetto si sviluppa infatti  da gennaio 2019 a giugno 2020) .  I giovani “marconiani” hanno colto l’occasione per partecipare  anche allo “YO!FEST”  il Festival Europeo della Gioventù che si è tenuto nella sede del Parlamento Europeo proprio in quella settimana.   Il programma settimanale prevedeva per i partecipanti un impegno giornaliero di circa 8 ore, nel corso delle quali  sono state proposte svariate attività, tutte con l’ obiettivo di accrescere  il senso di appartenenza dei giovani all’Europa e  la consapevolezza  del loro potere di voto, spronandoli ad essere parte attiva della vita politica europea.  Non sono inoltre mancati i momenti liberi e di svago, che hanno permesso agli studenti di visitare Bruxelles e di socializzare “mescolando” le proprie culture.

Sicuramente tutte queste iniziative, accendono i riflettori sull’appuntamento importante delle urne ma hanno sicuramente un ambizioso traguardo a medio e lungo termine: quello di creare cittadini europei consapevoli .

Grazie al trattato di Schengen, ai biglietti aerei low cost e alle iniziative dedicate ai giovani (un esempio su tutti la possibilità per i neo diciottenni di accedere a biglietti inter-rail gratuiti per visitare l’Europa durante l’estate) e alle numerose occasioni che offrono le  diverse istituzioni, le giovani generazioni  viaggiano molto  e già sentono l’ Europa un po’ come fosse casa loro, ma molti ignorano quanto le Istituzioni europee facciano “in casa loro”, ovvero quanti investimenti  europei vengano impiegati per migliorare le nostre infrastrutture, restaurare i beni culturali, stimolare la nuova imprenditoria, finanziare progetti e associazioni…

L’Europa è casa nostra e noi studenti del Marconi l’abbiamo scoperto  visitando il sito di WHAT EUROPE DOES FOR ME,  (https://What-Europe-does-for-me.eu/)   …….   prova anche tu!

                                                                                         Matteo MASCARDI – 4^AR e la Redazione Marconews

 

I commenti sono chiusi
Archivi